23/apr/2020

Staff+

Soluzioni per impermeabilizzare il pavimento di terrazzi e balconi

Soluzioni per impermeabilizzare il pavimento di terrazzi e balconi

L’inverno, le piogge, il ghiaccio, sono spesso sinonimi di elevato rischio di infiltrazioni che, se non risolte, possono nel tempo causare danni alla struttura dell’edificio. Solitamente i problemi di questo tipo insorgono da un’impermeabilizzazione usurata o mal posata. Vediamo di seguito alcune soluzioni per evitare o risolvere questo tipo di problematiche nelle pavimentazioni di terrazzi e balconi.

Cosa valutare prima di procedere con l’impermeabilizzazione

In caso di nuova costruzione sarà il progettista a decidere quale sia la soluzione migliore per impermeabilizzare la pavimentazione esterna. Una Best Practice, ormai consolidata, è quella di applicare una membrana drenante sullo strato inferiore al massetto come supporto ad una corretta impermeabilizzazione. La norma UNI11493-1 riporta infatti che “l’indicazione di uno strato drenante e di protezione, applicato tra massetto ed elemento di tenuta, è la misura al fine di prevenire ristagni di acqua penetrata nella struttura”.

Nel caso invece di una ristrutturazione, bisogna valutare diversi fattori per scegliere la miglior soluzione in base alle condizioni di partenza.

In questo caso, per prima cosa bisogna analizzare l’area in cui si andrà a operare, ovvero:

  • valutare lo stato di conservazione di pavimentazione e massetto
  • verificare la stratigrafia della struttura
  • assicurarsi che la pendenza del pavimento sia adeguata
  • controllare che non siano presenti fratture o una separazione tra i vari strati

A seconda delle condizioni del terrazzo o balcone in questione, sarà possibile scegliere la soluzione migliore tra quelle che esporremo di seguito.

Scegliere la soluzione impermeabilizzante più idonea in caso di ristrutturazioni

A seconda delle condizioni del terrazzo o balcone, sarà possibile scegliere la soluzione migliore valutando diversi fattori. Se la pavimentazione risulta in ottimo stato, potrebbe bastare un’impermeabilizzazione diretta sul rivestimento del pavimento.

Se invece le piastrelle risultassero avere delle problematiche, tipo crepe o buchi, sarà opportuno rimuoverle e impermeabilizzare lo strato sottostante, ovvero il massetto. Se anche il massetto risultasse compromesso, la soluzione migliore è quella di agire ed impermeabilizzare lo strato sottostante al massetto, prevenendo così qualsiasi possibile infiltrazione futura.

Soluzioni impermeabilizzanti senza rimuovere le piastrelle

Nel caso in cui la pavimentazione si presenti nel complesso in buono stato, senza fessure o rialzi, in determinate condizioni un’ottima soluzione per agire senza rimuovere la superficie piastrellata è senz’altro quella di applicare un’impermeabilizzazione liquida. Essa è facile da utilizzare e si può stendere velocemente con rulli o pennelli su tutta la superficie interessata senza lasciare punti scoperti e creando uno spessore di pochi mm. Tale procedura si rivela nel tempo resistente a sbalzi climatici, intemperie, sostanze chimiche o ai possibili accumuli e ristagni d’acqua. L’unico aspetto da considerare è valutare con il fornitore che il materiale del pavimento sia idoneo.

Soluzioni impermeabilizzanti tra piastrelle e massetto

Nel caso in cui il rivestimento del pavimento risulti danneggiato o inadeguato, sarà necessario rimuoverlo completamente ed andare ad agire sullo strato sottostante, ovvero al di sopra del massetto. Tra le diverse soluzioni disponibili sul mercato possiamo distinguere due principali tipologie: membrane impermeabilizzanti a rotolo ed impermeabilizzanti liquidi.

Sistema impermeabilizzante tramite membrane in rotolo

Sul mercato sono disponibili numerose soluzioni per utilizzare le membrane a rotolo per impermeabilizzare il massetto. Le più comuni sono le membrane a rotolo adesive a base di bitume, applicabili attraverso “saldature” a caldo in opera. Lo strato del massetto deve essere pulito, privo di detriti e ben asciutto. Successivamente all’applicazione delle membrane adesive è possibile stendere la colla per la posa delle piastrelle.

 

membrana per impermeabilizzazione di pavimenti interni ed esterni Floortec Profilitec+

 

Se lo strato impermeabile sotto massetto è integro, ci si può avvalere di una soluzione più pulita e veloce come la membrana a rotolo in polietilene. Per utilizzare questo tipo di impermeabilizzazione, consigliamo Floortec, una membrana costituita da una base in polietilene accoppiata sul lato inferiore con TNT (tessuto non tessuto). Con uno spessore totale di soli 3 mm, Floortec è in grado non solo di rafforzare l’impermeabilizzazione del massetto senza influire in modo sostanziale sull’interno della pavimentazione, ma anche di compensare le tensioni strutturali, gestire l’umidità di risalita e conferire maggior supporto ai carichi. Successivamente alla posa della membrana, che va applicata con apposita colla cementizia, si può procedere alla stesura della colla e la posa delle piastrelle.

Sistema impermeabilizzante tramite composti liquidi a base cementizia

Un’alternativa alla membrana bituminosa, può essere la stesura di uno strato liquido a base cementizia, facile da applicare al di sopra del massetto. Esso si presenta come un composto a base di cemento, al quale sono stati mescolati polimeri ed altri elementi impermeabili all’acqua. Al di sopra di questo strato sarà possibile procedere alla posa delle piastrelle tramite gli appositi collanti. Tale procedura è più semplice della precedente ma lo strato cementizio, nella pratica, non risulta sempre perfettamente impermeabile e con i cambi stagionali di temperatura può dilatare o restringersi permettendo un minimo passaggio di umidità al livello sottostante. Tale tecnica è consigliata dove si ha la certezza che il massetto sia in condizioni perfette e non presenti crepe o piccole fessurazioni.

Soluzioni impermeabilizzanti sotto massetto

La soluzione migliore per risolvere e prevenire qualsiasi tipo di infiltrazione e di successivo degrado, rimane quella di agire al di sotto del massetto. Per un risultato ottimale la procedura prevede l’applicazione di uno strato impermeabilizzante sopra al quale viene applicata una membrana drenante che protegge la guaina e permette il deflusso dell’acqua che percola dallo strato sovrastante di massetto drenante, così come suggerito nella norma UNI11493-1.

 

gamma membrane impermeabilizzanti pavimenti

Sistema impermeabilizzante tramite guaine bituminose

Le membrane bituminose sono il sistema più utilizzato per l’impermeabilizzazione sotto massetto di terrazze e balconi. Esse derivano dalla distillazione del petrolio e generalmente si trovano in commercio in rotoli prefabbricati. All’interno dello spessore viene di solito prevista un’armatura (in rete di vetro-tessuto o poliestere-tessuto) per aumentarne la resistenza. Nelle zone che poi diventeranno calpestabili, come appunto terrazzi e balconi, si consiglia l’applicazione della variante di membrane bituminose con lo spessore maggiore di 4 mm che ne aumenta la resistenza meccanica e mantiene, senza variazioni, la proprietà di allungamento a rottura, caratteristica di questo materiale. I fogli dei rotoli prefabbricati sono semplici da posare e, grazie all’aiuto di fiamme libere, garantiscono la totale aderenza della membrana.

Nel caso in cui ci si trovi in un ambiente nel quale viene proibito l’uso di fiamme libere, le stesse membrane sono disponibili anche con uno strato adesivo. Più facili e veloci ma con un’efficacia leggermente ridotta.

L’importanza della membrana drenante

Le membrane drenanti sotto-massetto sono dei veri e propri salvavita per la struttura.

 

membrana drenante sotto-massetto Draintec 8

 

La causa principale di danni in terrazze e balconi infatti, è la presenza di acqua quando essa filtra inevitabilmente all’interno del massetto e logora man mano i diversi stati impermeabilizzanti. La membrana drenante evita l’insorgere di questo problema grazie alla sua particolare struttura. A tale scopo, consigliamo la membrana Draintec 8, studiata dai nostri tecnici per consentire il deflusso dell’acqua attraverso un canale di drenaggio e compensare la pressione idrostatica a contatto con il massetto e con la guaina bituminosa. La sua particolare forma sostiene e alleggerisce la compressione al carico in caso di calpestio o trasporto materiale. In 8 mm di spessore Draintec 8 presenta due strati incollati tra loro, la base in polietilene presenta con “elementi” a tronco di cono per separare e drenare al meglio i liquidi; sopra la base è accoppiato uno strato filtrante di tessuto non tessuto in grado di bloccare la discesa di piccoli detriti e granuli per evitare che questi ostruiscano i canali della membrana drenante e rendano meno efficace il drenaggio della stessa.

 

membrana drenante retata Draintec 8S Profilitec+

 

In caso di utilizzo di un massetto drenante si può utilizzare la variante Draintec 8S, che presenta lo strato al di sopra della base costituito da una superficie retata dalla tramatura meno fitta rispetto a Draintec 8.

L’utilizzo di un profilo perimetrale per un risultato ottimale

profilo perimetrale per terrazze e balconi Bordertec BD Profilitec+

 

Per completare il lavoro a regola d’arte, consigliamo l’applicazione del profilo perimetrale Bordertec BD lungo il perimetro del terrazzo o balcone. Lo scopo di questo border è quello di garantire il totale deflusso dell’acqua grazie ad appositi fori di drenaggio creati nella parte inferiore del profilo. Esso va posato al di sotto del massetto, precisamente tra la membrana drenante e quella bituminosa. L’abbinata con la membrana drenante Draitec 8 lo rende il prodotto ideale per proteggere dalle infiltrazioni e dal deterioramento la struttura del terrazzo.

 

Commenti

Nessun commento

Lascia un commento

Staff+

26/mar/2020

L'uso della luce in architettura

Staff+

06/mag/2020

Come posare un pavimento?